Archivi tag: galliner

Spain lifestyle

Sono passate più di due settimane dall’ultimo post…nuovi incontri, nuove falesie, realizzazioni e serate tra amici hanno impegnato molto le mie giornate…la Spagna probabilmente sta mostrando il suo lato migliore. Proprio oggi Luca De Demo è rientrato in Italia dopo aver condiviso con me le gioie e i dolori di questo bellissimo ultimo periodo.

Il primo giorno di Luca in terra spagnola abbiamo arrampicato a Coniller, la nuova falesia del Gambus. La parete è grandiosa, roccia fantastica e gran potenziale per il futuro. Al momento l’unica difficoltà è la logistica, avvicinamento obbligatorio in 4×4 e una faticosa camminata di circa quaranta minuti sicuramente terranno lontano i climber meno motivati. Al momento sono state attrezzate circa quaranta vie dal 6a a progetti di grado 9, si arrampica su un calcare compattissimo lavorato a tacche e canne. L’ambiente grandioso, l’isolamento e il bel panorama conferiscono a questo posto una rara bellezza. Bella giornata di aderenza che sulle insidiose tacche rigorosamente da arcuare non guasta mai. Riesco a salire un 7c e un 7c+ a vista entrambi molto belli ma di cui al momento non conosco i nomi. Giovedì 13 io riposo e assicuro Luca a Oliana dove sale un 7c+ a vista nel giallone centrale. Io trascorro in relax tutta la giornata chiacchierando e facendo amicizia con i vari climber provenienti da mezzo mondo. Post scalata al bar e gran tavolata multietnica. Venerdì 14 replichiamo a Oliana dove chiudo i conti con lo stupendo 8a+ di Humildes pa Arriba. Poco prima del tramonto festeggiamo il compleanno di Miguel, un simpaticissimo ragazzo portoghese. Bellissima sorpresa con torta e birre offerte dalla local Anna. Sabato15 ritorniamo a Coniller in compagnia del David, Mariona e la macchina Dani Andrada. Dopo un breve riscaldamento io e il mio drone ci spostiamo nel settore alto della falesia per provare il primo tiro di un fantastico viaggio di 50m su roccia verdoniana il cui grado si aggira dalle parti del 9. Sotto lo sguardo attento di Dani che sta chiodando una nuova linea appena a sx, riesco a salire a vista la prima catena che vale 8a. La via si chiama Usain Bolter…nome forse ispirato dalla chiodatura a dir poco ariosa! E’ una bella soddisfazione perché è la prima via di 8 salita a vista in questa nuova falesia.

Domenica 16 causa pioggia riposiamo entrambi e ci rechiamo in pellegrinaggio a Santa Lynia. Non resistiamo molto causa freddo umido e nel tardo pomeriggio ci rifugiamo in una birreria di Balaguer in compagnia di Roger Schali e Christoph Haintz. Con questi due personaggi il divertimento è assicurato…tanta allegria, racconti di avventure passate accompagnati da ottima birra e in un attimo è arrivata l’ora della cena. Proseguiamo la serata cenando insieme a Barbara, Hannes, Daila e Colette. Buona la pizza, ottima compagnia e giornata conclusa nel migliore dei modi. Lunedì 17 Io, Luca e il David andiamo al Galliner. Giornata bellissima. David prova Todos los Santos, il 9a liberato da Ondra un paio di settimane fa. Da spettatore mi è sembrato duro, aleatorio e un po’ morfologico ma sicuramente bello. Io a fine giornata salgo uno stupendo e fisico 8b su canne di cui al momento non so il nome. Tiro di livello, uno fra i più belli che ho salito da queste parti.

Martedì 18 siamo di nuovo a Oliana, tempo umidino e stanchezza, quindi riposo. Mercoledì 19 replichiamo e verso sera salgo il classico 8b di De Picos Pardos. In falesia è sempre una festa, bella gente e tutti molto motivati. Giovedì 20 gita al Galliner con Roger e Christoph, anche loro rimangono molto soddisfati della bellezza del posto e della scalata. Il De Demo chiude meritatamente l’8a della via Andrada e io tra uno sbuffo e l’altro salgo al secondo giro Crossing, divertentissimo 8b a tacche e canne su roccia bellissima. Venerdì 21 ripassiamo da Oliana perché Luca vuole fare a tutti i costi Mishi…da bravo ragazzo in breve passa la corda in catena e così siamo partiti felici per Siurana. Sabato 22 riposiamo entrambi e al mattino assistiamo al meeting di Yoga presso il climbing shop di Cornudella. Io non ho avuto il coraggio di provare ma sono sicuro che al mio povero fisico farebbe molto bene! Pranzo con le ragazze, pomeriggio trascorso al Pati, ottima cena e party finale in una casa dispersa nella nulla vicino a Cornudella.

Domenica scaliamo al Pati ma rincasiamo a mani vuote. Ieri di nuovo Pati, salvo la giornata salendo la bellissima Zona O, classico 8b del settore. Oggi rest day sperando nell’impossibile miracolosa e veloce ricrescita della pelle delle dita! Ciao e alla prossima.

Boixols, Galliner e due giorni a Margalef

Domenica due Febbraio ho accompagnato Matteo ad arrampicare al settore Forat de Boixols, pochi tiri ma lunghi sui 35m e bella roccia. Io ho riposato godendo sella bella giornata di sole e del bel panorama. Lunedì siamo andati a Perles, ho fatto tre tiri poi si è annuvolato e il freddo pungente mi ha costretto a riporre le scarpette nello zaino. Ho approfittato per potare un paio di piante in previsione di attrezzare una o x vie nuove nel lato destro del settore. Martedì giornata fantastica e gran gita al Galliner, quanto mi piace questo posto! La falesia mi presenta il conto…grandi bastoni e tanta ghisa nelle braccia. La bellezza della scalata e l’ambiente rilassante ripagano comunque nonostante le grandi fatiche. Mercoledì riposiamo entrambi e ci trasferiamo a Margalef. Per me è la prima volta e ne sono rimasto piacevolmente colpito. L’ambiente è molto bello, roccia ovunque, settori a qualsiasi esposizione e una quantità di tiri impressionante. Lo stile ogni tanto è un pò monotono ma fortunatamente il braccio ne trova sempre giovamento. Uno dei miei è un pò acciaccato ma spero si riprenda presto. Giovedì abbiamo scalato al settorre Raco’ de les Espadelles, classico e molto frequentato settore esposto al sole tutto il giorno. La giornata è stata caldissima, di stampo primaverile ma mitigata da una brezza quasi costante che ci ha permesso di arrampicare in condizioni decenti. Vista la giornata appena trascorsa, Venerdì programmiamo di scalare all’ombra al settore Raco’ de la Finestra. In falesia purtroppo ci accoglie un costante vento freddo. Desistiamo appena dopo un tiro di riscaldo e traslochiamo ai settori Cabernet e Balco’ de l’eremita. Bellissimi! Panorama stupendo e sole fino al tramonto. La giornata ci offre il meglio del meglio, sole, non troppo caldo e vento costante = aderenza massima! Per tutto il giorno siamo i soli arrampicatori in questi settori, un regalo speciale per l’ultimo giorno di scalata del mio valoroso compagno Matteo che oggi è rientrato nell’uggioso nord est Italia. Ringrazio Matteo della piacevole e sempre allegra compagnia. Le best performance di questa due giorni di scalata a vista a Margalef sono: Ximpleta, 8a al Raco’ de les Espadellas e un 7c+ di cui non ricordo il nome al Balco’ de l’eremita. Spero di ritornare presto!