Grossglockner – Stüdlgrat

Fine settimana del 2 e 3 Luglio, previsioni non buone per arrampicate in zona, sembra meglio in Austria, sabato con la calma partiamo direzione Grossglockner.
Io e Silvia partiamo da Udine, recuperiamo Sbisi per strada e carichiamo il Mose ad Amaro. Con la calma ma veloci ci addentriamo nella ridente e verdeggiante “osterreich” e in un paio d’ore parcheggiamo il mezzo alla Lucknerhaus. Dopo un veloce e leggero pranzetto organizziamo il materiale e ci incamminiamo direzione Studlhutte.
Meteorologicamente parlando il tempo non è per niente buono e l’altro tempo, quello a nostra disposizione prima di lavarci come pulcini ha i minuti contati. Dopo circa mezz’ora di cammino vien giù il mondo, nessuno dice niente, aumentiamo l’andatura e in breve raggiungiamo l’accogliente Studlhutte, siamo fradici. Fortunatamente la struttura è dotata di tutti i comfort e riusciamo ad asciugare tutto adeguatamente.20160702_173951-2
Ci rilassiamo e ce la raccontiamo mentre attendiamo la cena che si rivelerà un delizioso e abbondante banchetto. Il dopocena che trascorriamo è insolito per essere in un rifugio a 2800m, gioca la nazionale e contro chi?…contro la Germania! Hahahahah maxischermo e tutti a vedere la partita. Ci siamo noi, un altro gruppo di italiani poi un gruppo di tedeschi davanti a noi e alcuni austriaci a contorno. I più animati e calorosi siamo noi anche perchè, non me ne voglia, gli unici dotati di Silvia Red, un vero vulcano. Beh il resto penso lo sappiate tutti, perdiamo ai rigori facendo la solita figuraccia da sbruffoni, capitolo chiuso.
Piove tutta la notte e smette giusto poco prima delle 5, ora della colazione in rifugio. Scendiamo a far la pappa, nessuno si esprime sul meteo, andiamo avanti con il programma e l’ultima fetta di Strudel rievoca il succulento post colazione.
Alle sei lasciamo il rifugio, risaliamo la morena e raggiungiamo il ghiacciaio Teischnitzkees dove ci leghiamo, Io a Silvia, Enrico a Sbisi. Assieme a noi ci sono altre due cordate, una davanti e una dietro, tutto sommato neanche male ma del resto la giornata fa proprio schifo.

20160703_060200-5

Partenza dal rif Studlhutte

Il tratto su neve è facile e poco ripido, ci muoviamo velocemente e in breve raggiungiamo la roccia.
Mentre Enrico e Sbisi prendono l’attacco originale, io e Silvia proseguiamo per la variante facile e iniziamo a salire rocce sempre più ripide fino a raggiungere il filo di cresta. La sera prima ha nevicato e piovuto, tutto è ricoperto da neve marcia e la roccia è fradicia.
Ramponi ai piedi guadagniamo metro dopo metro la cresta, un po’ di qua, un po’ di là, un po’ su e un po’ giù, tutto sommato io mi sto divertendo nonostante non si vede il minimo panorama. Saliamo in conserva, ogni tanto passo un paio di rinvii e nei tratti più impegnativi assicuro Silvia.
Una cordata si era ritirata all’inizio della cresta, l’altra ci segue a ruota, ci ricongiungiamo ai nostri amici al Frühstücks-platzl, una comoda piazzola a 3550m d’altezza.
Questo è il punto dove è possibile ritirarsi abbastanza agevolmente, da qui in poi è meglio andare in vetta, più o meno questo consiglia la targa gialla attaccata alla roccia davanti a me. I due fenomeni non dicono un H e tirano dritti come dei razzi. Io sto bene, mi sento a mio agio, Silvia mi sembra infreddolita e un po’ sottotono ma è una compagna tenace e decidiamo di proseguire.
Ora la via diventa più impegnativa e quindi iniziamo a rallentare. Lasciamo passare i nostri inseguitori e riprendiamo il nostro ritmo di scalata.
La temperatura si abbassa e siamo sempre più bagnaticci, saliamo con la calma ma guadagniamo metri preziosi. In un paio di punti rallentiamo ma poi recuperiamo finchè finalmente sbuchiamo fuori dalla cresta. Attacco il pendio di neve terminale e finalmente intravedo la croce di vetta. Accelero ma da sotto sento imprecazioni, a volte mi sento proprio un mulo da soma, allento il tiro ma ormai siamo in vetta a 3798m.
Per entrambi è la prima volta e ce la ridiamo perchè abbiamo scelto proprio la giornata giusta, non si vede a 20m…
Restiamo pochi minuti in vetta, giusto il tempo di una barretta, il freddo intenso ci sprona a muovere.

20160703_112258-8

La gioia in vetta al Grossglockner 3798m – forse lei non era proprio felicissima…

La discesa dalla normale non è per niente da sottovalutare, non tanto per le difficoltà tecniche, ma per l’affollamento e l’inesperienza di molte cordate che la percorrono.
Fortunatamente non viviamo dei drammi, superiamo tutti e velocemente ci abbassiamo di quota.
La temperatura sale, le difficoltà scendono e dei facili pendii di neve ci portano al rifugio Erzherzog Johann Hutte dove finalmente troviamo Enrico e Sbisi.
Ci riposiamo un attimo, beviamo un the caldo, altra barretta e iniziamo la discesa.
La ferratina appena sotto il rifugio è l’unico punto delicato della facile discesa in caso di affollamento ma nel nostro caso siamo soli e scendiamo veloci.

20160703_141722-13

Sbisi e Silvia nella parte finale della discesa

Poi raggiunta la neve ci divertiamo ancora di più e scendere è molto più piacevole.
In circa un paio d’ore raggiungiamo l’auto e la fine della nostra bella gita.
La salita sulla montagna più alta dell’Austria per la cresta Studlgrat merita davvero, una via sicura e divertente che in una giornata di sole penso regali anche dei panorami mozzafiato.
Alla prossima e buone scalate a tutti!

SCHEDA VIA:
Via: Studlgrat
Montagna: Grossglockner 3798m
Gruppo: Alti Tauri
Esposizione: Sud-Ovest, discesa a Est – Sud-Est
Dislivello: 1878m (primo gg d+ 881m, secondo gg d+ 997m)
Difficoltà: AD+ (III+, A0)
Tempistiche: noi da Studlhutte in vetta 5h, discesa a Lucknerhaus 4h
Materiale: normale dotazione alpinistica, 30metri di corda, 5 rinvii e qualche friend, picozza e ramponi.
Discesa: lungo la via normale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...