In ricordo di Leo

Ho conosciuto Leo esattamente due anni fa, non l’avevo mai visto prima, sono salito in macchina con lui e abbiamo viaggiato fino in Bosnia a cercare nuove pareti da scalare, abbiamo parlato tutta la strada, c’è stato subito feeling, sentimento di amicizia, abbiamo iniziato a sognare e a progettare nuove imprese insieme.

Impossibile non affezionarsi a Leo, ragazzo umile, rispettoso ma che non passava di certo inosservato. Bastavano poche parole per legare con Leo, sempre sorridente e ottimista, intelligente, carismatico, creativo. Faceva le sue scelte consapevolmente, aveva progetti per il futuro e la montagna era la sua vita. Condividevamo tutte le nostre esperienze, ci siamo sempre confrontati e confidati, ci siamo legati insieme, abbiamo sciato, ci siamo divertiti, eravamo un bel team, ora senza il Romboss non sarà più la stessa cosa.

Leo aveva una passione infinita per la montagna, aveva una visione certamente moderna dell’andare in montagna frutto del nostro tempo ma il suo cuore batteva per la vecchia generazione o meglio per quella visione un po’ Romantica di approccio alla montagna, della dura lotta con l’alpe, dell’amore estremo per l’alpinismo, del sentirsi a casa sulle montagne.

Sono stati due anni molto intensi quelli trascorsi insieme. Si è creato un gruppo di amici, abbiamo vissuto sempre assieme, ci sentivamo praticamente ogni giorno, condividevamo tutto e non solo relativamente alla montagna. In due anni il nostro gruppo ha fatto progetti insieme, siamo maturati e ognuno di noi ha ottenuto delle grandissime soddisfazioni per la propria specialità.

Da uno scanzonato gruppo di amici che vanno in montagna ci siamo evoluti in un gruppo di scanzonati amici che fanno cose di altissimo livello in tutte le discipline che vanno dall’arrampicata in falesia, all’alpinismo, allo sci ripido, al parapendio, alla speleologia esplorativa alla mountainbike.

Abbiamo cercato di documentare al meglio le nostre avventure e grazie alla passione di Leo per le foto e i video siamo riusciti a raccogliere del preziosissimo materiale che è servito a condividere con un pubblico sempre più ampio la nostra gioia e passione di fare quello che ci piace e che probabilmente è anche quello che sappiamo fare meglio nella vita.

Le bellissime foto di Leo saranno un ricordo indelebile degli intensi momenti trascorsi assieme e saranno la testimonianza della sua passione, del talento e dell’impegno che dedicava alla fotografia.

Sono sicuro che in futuro avrebbe ottenuto delle grandissime soddisfazioni anche a livello professionale perchè non basta saper scattare belle foto per essere un fotografo di montagna, bisogna essere anche forti alpinisti, preparati, allenati e soprattutto autosufficienti e Leo questo lo sapeva bene, ne abbiamo parlato molto volte e secondo noi questo è il valore aggiunto. Leo era tutto questo, partiva anche da solo magari un giorno prima, si calava da solo e te lo ritrovavi in parete dietro la macchina fotografica felice e contento come non mai.

Sono felice di aver trascorso alcuni giorni con lui subito prima della sua partenza per il Pakistan, abbiamo scalato insieme in falesia e quanto abbiamo parlato! Mi mancheranno quelle chiacchierate.

Poi c’è stata la grande serata al Teatro Miela, una gran festa e l’ultimo regalo di Leo, le sue bellissime foto e le sue parole semplici, umili ma cariche di significato e intense emozioni soprattutto per me che ero legato assieme a lui sulle stesse pareti.

Infine l’ultima giornata di scalata insieme due giorni prima della partenza, sul Robon insieme a Davide e Gabriele. I quattro fanatici dell’arrampicata per l’ultima volta assieme e come sempre grande motivazione, progetti, risate e tanta tanta felicità.

Ciao Leo, ci mancherai e ricordati la frase che ci hai detto proprio quel giorno: “ho già i nomi di tante vie da aprire ma devo ancora trovare abbastanza linee per tutti i nomi che ho!”

Non preoccuparti, noi faremo del nostro meglio per trovarle, salirle e andremo a bere un bicchiere alla tua salute!

Civetta

Leo – romboss – appena svegliati al Torrani

Annunci

2 pensieri su “In ricordo di Leo

  1. Stefano Figliolia

    Grande Andrea, Grande Leo. Mi hai emozionato, e mi ha veramente colpito al cuore la perdita di Leo, anche se non lo conoscevo direttamente, ma quando si condividono delle passioni, si riesce a capire meglio chi pensa in Grande e diventa ancora più Grande dentro. Un abbraccio Andrea, un abbraccio ed un pensiero dal Cuore, Leo.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...