Viaggio a Spalato

Subito dopo Natale siamo scesi in Dalmazia per trascorrere qualche giorno nei dintorni di Spalato. Non ero mai stato in quelle zone ed ero molto curioso di vedrere con i miei occhi il grande potenziale di roccia di cui molto mi avevano parlato.

Trascorriamo i primi quattro giorni sull’isola di Brac, di fronte a Spalato. Arrampichiamo nella bellissima e nuova falesia di Smrka. La parete è stata attrezzata lo scorso Ottobre da un team del CAF francese, è esposta a Nord Ovest e offre un’arrampicata molto bella prevalentemente su canne (sui tiri di 8). La parete conta circa 25 tiri con difficoltà che partono dal dal 6c+ fino all’8c e prevalenza di tiri di livello 8. I Francesi e compagni hanno fatto un bel lavoro attrezzando tutte le stupende linee logiche della grande parete alta circa ottanta metri. Si arrampica su un calcare non sempre di ottima qualità ma fortunatamente le linee tracciate seguono i punti più belli offrendo delle stupende cavalcate su canne tra le più belle che si possano o immaginare. Un posto che davvero merita una visita!

Non siamo stati fortunati con le condizioni, prima nebbia e elevato tasso di umidità poi bora fortissima e gran freddo, non ci hanno permesso di apprezzare pienamente la bellezza dei tiri. Segnalo due tiri stupendi a canne, tra i più belli su cui ho avuto la fortuna di arrampicare nella mia vita: Happyness terapy 8a e Tufa addicted 8b. Già questi due tiri valgono il viaggio fino a qui! Speriamo di ritornare presto in altro periodo!

IMG_8543

Smrka

A Spalato ci incontriamo con Carlo e Elena che ci hanno raggiunti il 30 Dicembre. La mattina dopo il programma prevederebbe di arrampicare a Markezina Greda ma il forte vento gelido ci costringe a cambiare meta e ci dirigiamo verso Klobuk.

Dopo svariate avventure sulle strette e tortuose stradine croate, finalmente arriviamo alla falesia, un bellissimo e grande muro alto anche più di quaranta metri. L’esposizione al sole ci regala un bel clima caldo opposto a quello di markezina ma appena arriva l’ombra il freddo è pungente. Abbiamo fatto qualche bel tiro ma a nostro avviso chi ha attrezzato non ha fatto un bel lavoro sia come posizionamento degli spit che come linee di salita scelte. Ciò non toglie che la falesia è molto bella e merita certamente una visita. Vi è anche potenziale per attrezzare nuovi itinerari anche di livello facile.

IMG_8466

Luna e nebbie notturne

La sera consumiamo il nostro cenone tutti assieme e brindiamo al nuovo anno guardando dall’alto i fuochi d’artificio su Spalato. La mattina dopo partiamo presto direzione Omis. Facciamo un giro del canyon e rimaniamo stupiti della quantità e qualità della roccia. C’è ancora molto da fare a mio avviso in questa zona sopratutto per tiri di livello medio-alto. Siamo costretti a proseguire verso sud perchè i settori più interessanti sono esposti all’ombra e arrampicare in quelle condizioni di freddo sarebbe stato impossibile.

Scendiamo più a sud e poco prima di Brela saliamo alla grande parete, con annesso grottone vistamare, da poco attrezzata e denominata Vrulja. La parete è imponente e il panorama appaga dopo la ripida camminata. Per riscaldamento saliamo a resting un tiro sulla sx della grotta che credevo fosse 8a+ ma che scopriremo in seguito non era ancora stato salito. Non proprio ideale come riscaldo anche causa la roccia extrabrasiva ma molto bello e con delle sequenze divertenti. Anche questa parete piano piano va all’ombra e causa il freddo pungente siamo costretti a tirare i remi in barca.

IMG_8706

La costa Dalmata dalla falesia di Vrulja

Proseguiamo ancora verso sud fino a Drasnice dove trascorriamo la notte. Visto il tempo freddo e cielo variabile dedichiamo la giornata a esplorare alcune pareti. Saliamo all’imponente muro dove sono state aperte alcune vie di più tiri e sbinocoliamo per capire se c’è ancora spazio per una nuova via. La roccia sembra bellissima, strapiombante e con sezioni solo a canne. Sarebbe bello provare ad arrampicare ma c’è troppo freddo e la parete è completamente all’ombra, ritorneremo.

Ci spostiamo poi zona Makarska e esploriamo varie strutture rocciose con valido potenziale. Purtroppo le previsioni dal giorno dopo in poi danno pioggia e già in serata a malincuore iniziamo il viaggio di ritorno.

Per la cena facciamo tappa a Paklenica e per la notte a Senj. La sorpresa è al risveglio, durante la notte la fortissima bora ha congelato tutto, la pioggia della sera prima si è trasformata in neve e siamo costretti ad attendere alcune ore prima di rimetteci in marcia sulle gelate strade dalmate. Fortunatamente si riveleranno più pulite del previsto e nel pomeriggio rientriamo senza intoppi a Trieste.

In questo viaggio abbiamo arrampicato veramente poco, causa la meteo sfortunata e l’impostazione avventurosa che abbiamo dato alla vacanza ma è stato molto bello visitare  posti magnifici sempre alla ricerca di nuove pareti da scalare. Speriamo di ritornare presto per concretizzare le nostre fantasie e placare la nostra fame di roccia! Un grande grazie ai miei compagni di viaggio Sbisi, Davide, Carlo, Elena e ai ragazzi di padova che hanno dovuto rientrare dopo appena due giorni.

Buone arrampicate a tutti!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...