Finalmente in viaggio!

Dopo le due bellissime giornate passate in Croazia a fine Ottobre, ho trascorso alcuni giorni a casa e, fra impegni vari e preparativi per la partenza, il tempo è volato.

Finalmente Martedì  5 Ottobre il viaggio è iniziato.

Ho trascorso due giorni vicino Torino, ospite a casa di amici. L’allegra famigliola mi ha accompagnato ad arrampicare nella falesia di Andonno, vicino Cuneo. Giornata davvero bella e clima primaverile.

Andonno

Falesia di Andonno, lato sinistro muro di Noia, lato destro muro di Mistero

Lo stile di arrampicata ad Andonno è fisico, di dita e molto tecnico sui piedi. Purtroppo molte vie sono scavate ma è l’unica nota dolente di questa bella falesia che si trova in un contesto paesaggistico molto suggestivo e a pochi passi dal confine francese.

Andonno

Valle di Andonno vista dalla falesia

Non ho avuto dubbi su che tiro provare, la linea di “Noi” è logica, molto bella e la via è completamente naturale.

Lunga circa 25m, presenta  passi molto fisici su buone prese ma con appoggi sfuggenti e purtroppo unti.

La prima libera risale al 1989 ad opera di Andrea Gallo. Successivamente nei primi anni 90 Severino Scassa la collegò con l’uscita di “Cobra” creando “Noia”, il primo 8c+ italiano.

Ho fatto tre giri ma mi sono arenato sempre nello stesso punto pur scalando sciolto tutte le sezioni…sicuramente ritornerò per chiudere i conti.

Andonno

Andonno – Il bel muro di Noia

Oltre a scalare abbiamo goduto pienamente della bellissima giornata “primaverile” rilassandoci e prendendo il sole.

Andonno

Momenti di relax a Andonno

Direzione Francia

Giovedì mattina percorro la Val Di Susa, valico il Colle del Monginevro e entro in Francia.

Come spesso accade da queste parti…la giornata è bellissima, i colori autunnali e la prima neve sulle vette completano egregiamente il paesaggio da cartolina.

Monginevro

Ingresso in Francia, discesa dal colle del Monginevro

Scendo il versate francese del colle e arrivo a Briancon, proseguo direzione Gap e poi verso Saint Leger du Ventoux, meta della mia prima tappa in Francia.

Blu sky France near St Leger

Furgo e cieli azzurri in Francia

Mont Ventoux

Ormai quasi arrivato a Saint Leger, in lontananza il Mont Ventoux

Ho arrampicato due giorni a Saint Leger in compagnia di Nicolas Potard, Guillame, Victor, Seb e altri simpatici ragazzi francesi conosciuti qui. Le condizioni del primo giorni sono state pessime, cielo coperto, qualche goccia di pioggia e molto umido. Ieri invece giornata stupenda, ventilata e secca. Sfortunatamente non ho sfruttato la bella giornata e sono riuscito a cadere all’ultima presa di “La Hyène”, uno fra gli 8b+ più belli che ho provato ovviamente aperto da Bruno Clément.

Oggi 10 Novembre giorno di riposo, piove. Le previsioni per i prossimi giorni sono buone quindi oggi relax per recuperare pelle e energie.

Saint Leger

Saint Leger, settori Praniania e Andaluse

Saint Leger

Saint Leger, le Vallée du Toulourenc

Saint Leger

Saint Leger, le Mont Ventoux

Saint Leger

Si fa sera alla face sud di Sain Leger

 

 

 

 

 

 

Annunci

Un pensiero su “Finalmente in viaggio!

  1. Il Conte

    La hyène all’ultima presa? Bravo Andre, bravo come al solito.

    Sei in forma eh?

    Vedi di scalare anche per chi è a lavorare….anche se domani invece che lavorare scalerò con tuo fratello, ahah!

    Ad maiora!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...